LEGEND OF 5 RINGS 4th EDITION, Uccise Diverse Vacche Sacre

29 11 2011

Sono sempre stato, e sono tuttora un Fan Accanito di Legend of Five Rings (L5R da ora in avanti), La cultura Orientale mi ha sempre affascinato, e Rokugan (il mondo di L5R ) con il suo mix di cultura giapponese, e asiataica più in generale, ha avuto sempre un posto particolare nel mio Cuoricino di Giocatore.  cosi dopo una Prima, Seconda, e Terza edizione, quando la Quarta è uscita qualche anno fa, E stato Corso naturale degli eventi Farne Avidamente mia una copia.  dopo averla letta una mezza dozzina di volte, devo con rammarico dire che ne sono rimasto un tantino deluso.  Mi spiego meglio: L’ambientazione è rimasta sempre la stessa e quindi Magnifica sotto ogni aspetto e, in questa edizione, il sempre presente metaplot, è meno evidente,  il solo manuale base ti permette di giocare in qualsiasi periodo dell’ arco narrativo. Quello che mi ha fatto un storcere il naso, sono l’introduzione di alcune regole, e lo stravolgimento anche se parziale delle scuole di Clan.  Ma veniamo con ordine.   Intanto sono stati introdotti gli “status” comese fosse Un MMORPG, cosa che io nn sopporto, (sia chiaro quello che dico è tutto personale). Inoltre   e le meccaniche di alcune scuole di scherma sono state stravolte  per poter introdurre quest  ultime.  Vedasi Rank 5 della scuola Bayushi,   (che ora induce lo status di Stun sull’ avversario ) invece di decidere gli incrementi dopo i danni come è stato per 3 edizioni e sin dal lontano 1997……. Stessa sorte è avvenuta alla scuola Hida (crab) ma con il primo livello dove ora sembra che il povero Crab sia Forte solo con le armi pesanti quando invece  se si leggono le storie sparse per i vari manuali  sono temibilissimi anche con una katana o una Yari. so che sono piccolezze ma per uno come il sottoscritto che lo gioca dalla prima edizione lascia un poco di amaro in bocca.   Sono state introdotte le Stances ( quelle che prima erano le manovre Attack, Full Attack, Full Defense) e a quelle gia presenti ne sono state aggiunte 2;  Center Stance (principalmente per i duelli) e Defence; che permette di proteggersi continuando a fare azioni , (escluso L’attacco).  E qui nulla di e clatante, se non che altre scuole (gru ad esempio ) viene modificata per includere questa nuova stances nella Scuola Kakita.  tutta la scuola qui ha avuto una pesante rivisitazione, e devo dire non in peggio è sempre stata una scuola che a mio avviso necessitava di un ritocco.  anche qui però sono andati a toccare un rank che era il pilastro della scuola ossia  Rank 1 dove ovviamente hanno dovuto rivedere qualcosa che funzioanava benissimo ed era fico assai, ossia l’utilizzo di Iaijutsu nei combattimenti di kenjutsu. Per non parlare del Drago che è stato spogliato della sua abilità di primo livello, ora chiunque usi 2 spade puo guadagnare un +5 al suo TN per essere colpito…… e il drago e solo più bravo in ciò ….. NON convince.   Ennesima Vacca sacra uccisa è che ora il PG puo spendere solo un punto vuoto a Round. (eresia) e come fa un pover crab di rank 2 a utilizzate THE MOUNTAIN DOES NOT MOVE, per assorbire i danni? ( ha già è vero anche questa è stata modificata ora ha un valore fisso che è una riduzione ai danni pari alla terraaaaaaaaarghhhhhhhhh 😦  ) 

Tutta via L5R  4a Edizione ha dei punti di forza e nn pochi, Rispetto al Suo predecessore, Depotenzia le scuole e i personaggi riportandoli ad un livello “giocabile”  tutte le scuole della 3a edizione erano Immensamente Sgravate e i PG erano fortissimi sin dal secondo Rank.  Si sbarazza delle Enfasi, di 3a edizione, introduce un sistema percui le enfasi permettono di ritirare gli 1 (leggermente piu “complesso” se vogliao ma ci risparmia tiri del tipo  8K2 +8. ). Mantiene le mastery ma le relega a 3 livelli di skill standard   3, 5, 7. , una modifica senza infamia e senza lode. I kata è stata la modifica che mi è piaciuta di più, ora Sono più difficili da imparare, ossia richedono  Requisiti più alti ma sono attivi fino a quando si desidera con l’eccezione che se ne puo avere solo uno attivo alla volta

Tutto sommato Questa 4a edizione non è malvagia, ma toglie troppe cose che ho adorato nelle precedenti edizioni e qundi non sarà sicuramente l’edizion of Choice se dovessi Masterizzare una Campagna. Tuttavia da degli spunti che possono essere introdotti nelle edizioni precedenti  per svecchiare il gioco e perche no trovare il giusto equilibrio di un edizione Home made con i pregi di tutte e quattro le edizioni Originali. 

SON OF HIDA ‘TILL I DIE





GETTIN’ SAVAGE

3 05 2011

Appassionato di GDR come sono sono sempre stato alla ricerca di un sistema “perfetto” che è un pò come cercare il santo graal o l’arca dell’ alleanza. Nella mia Ricerca mi sono spostato via via sempre verso giochi con sistemi più semplici, regole più fruibili anche ai giocatori piu reticenti cercando però di mantenere lo stesso un certo livello di Granularità di gioco.  In questo mi è venuto incontro un gioco che io considero tra i piu riusciti degli ultimi anni,  SAVAGE WORLD. SW e un sistema Generico che è  il diretto discendente di uno Dei CAPOLAVORI ASSOLUTI del GDR  per chi scrive, Deadlands. (anche sedevo essere sincere l’incarnazione di quest’ ultimo per Savage Worlds, perde molto del fascino del precedente).

Comunque sia,  lo slogan di Savage Worlds recita  FAST , FURIOUS,  FUN. e a mio avviso coglie tutti e 3 i punti perfettamente.  Il sistema è veloce da imparare, il “bookeeping” è pressoche inesistente, la narrazione non si ferma mai più di un paio di tiri di dado.  Il sistema è Furioso: il comabttimento scorre che è una meraviglia i colpi sono mortali sia per i PNG sia che per i giocatori, le regole si prestano ad effettuare ogni tipo di stunt dando delle linee guida  semplici e calcoli veloci, e lasciando al master la libertà di interpretarli. e il FUN????  Savage World E’ Molto divertente il sistema dei vantaggi e svantaggi permette  di dare libero sfogo alle fantasie piu sfrenate senza entrare mai nel powerplay,  il sistema a “livelli” rimane godibile e non da fastidio come accadrebbe su D&D (sempre per il sottoscritto)   E’ un gioco facilmente customizzabile, in rete si trovano gratuitamente una miriade di Conversioni per altre ambientazioni (da citare quella di Iron Kingdom  che è davvero spettacolare  ). In vendita inoltre ci sono un sacco di ambientazioni interessanti: il Gia citato Deadlands western horror con una spruzzata di steampunk, Hellfrost Un fantasy in un mondo che sta pian piano subendo una glaciazione,  Savage World of Solomon Kane  Gioco ispirato al celebre personaggio dei romanzi Howard e molti altri ancora che potete trovare su http://www.peginc.con  or www. tripleacegames.com

Forse l’unico problema che il gioco Presenta è sulla lunga distanza.  I livelli, i rank delle skill, sono forse troppo pochi e i personaggi tendono ad avanzare di livello troppo infretta.  Un altra “pecca” che poi pecca non è, è che il gioco esiste solo in inglese, e sembra che nessuno in italia sia intenzionato a stamparlo, un altro indice del fatto che l’Italai è il Terzo mondo del gioco. Ciononostante rimane un gioco con i controcazzi lasciatemelo dire, che strizza l’occhio alla semplicita senza tralasciare il lato “crunch” e regolistico e lo fa davvero con classe.

Are u ready to Get Savage????





I Francesi sono troppo Avanti

21 04 2011

Per quanto io  sia Italiano e da buon italiano non mi piacciano troppo i Francesi (ovviamente scherzo), se parliamo di panorama  ludico, i fratelli d’oltralpe   sono assoultamente diversi eoni davanti all’ italia.  i Giochi di case francesi negli ultimi anni spuntano come funghi,  basta pensare a perle come  Qin: the warring state,  Kuro, wuxia e 2050: colliding sphere (questi ultimi due tra l’altro condividono lo stesso sitema) per non parlate poi d Hellywood. E non solo,  una cifra sempre maggiore di giochi stranieri viene tradotta in francese, come ad esempio Talislanta gioco storico della shooting Iron ormai scaricabie gratuitamente  ancora è commercializzato in francia con una veste grafica tutta rinnovata e migliorata. Persino Barbarian of  Lemuria (vedi recensione precedente) è discretamente poplare tanto che  la prima verisone illustrata è quella Francese, nonstante il gioco sia americano. ed e proprio l’edizione Americana ad aver adottato i disegni della frances.  Il panorama ludico italiano è al quanto deprimente, nonostante perle come LEX ARCANA,  SINE  e Project H.O.P.E . a sollevare un po le sorti, pochissimo viene tradotto in italiano e sempre venduto a prezzi altissimi, ( martell da Guerra 2a ed).  Quel poco che viene tradotto tradotto, non viene supportato  per mancanza di Numeri,  collane intere stroncate, supplementi annunciati che escono dopo anni o mai,  capolavori che meriterebbero la traduzione vengono accantonati perchè l’unica cosa che tira è D&D (che è una porcata) e ci sommergono di supplementi dai colori vivaci e dal contenuto inutile e i pover giocatori come me se la pigliano in quel posto. o giochi a quello o nulla.  Io sono fortunato perche mastico discretamente bene l’inglese, ma molti non lo fanno e sono costretti a giocare quello che “passa il convento” e quindi il nostro panorama diventa sempre piu povero e i giochi sempre gli stessi.

…… I Francesi sono Tropp Avanti





Barbari di Lemuria

20 04 2011

E strano come a volte cerchi qualcosa per settimane e non la trovi poi mentre stai cercando tutt’altro  ecco che all’ improvviso ti appare tra le mani. qualche tempo fa tavo cercando in rete qualche Gioco Di Ruolo amatoriale, qualcosa di semplice, che ritornasse un po alle origini del GDR, senza somigliare troppo a tutti quei Retrocloni del Vecchio D&D che ultimamente spuntano come l’erba cattiva e lo copiano in maniera spudorata. Io ero alla cerca  invece  di  qualcosa che mi desse le stesse emozioni dei gioci di un tempo e non i Giochi di un tempo.  Quando ormai le speranze erano perse, come avviene  nei migliori Romanzi Fantasy, ecco che qualcsa accade. questo qualcosa si chiama   BARBARIANS OF LEMURIA.  BOL  è un gioco quasi totalmente sconosciuto in italia ( ovvio!!! non è D&D ) è un gioco che richiama i canoni della vecchia Sword & sorcery Dei romanzi di Howard, Lieber, Morcook,  e in particolare ai romanzi Thongor di Lin Carter, da cui trae l’ambientazione. i Personaggi si muovono  un mondo post-apocalittico regredito alle Barbarie , dove uomini dall’ ingeno affilati quanto al spada e dal coraggio enorme quanto i muscoli si battono con stregoni potentissimi e malvagi in cripte sotterranee o in rovine dimenticate.

Il sistema di gioco è quantomai fine,  si basa sul lancio di 2D6 ai quali vengono aggiunti dei modificatori a seconda di che azione si vuole compiere. nel Gioco  si tralascia completamente la difficoltà del sistema a skills per un approccio piu diretto e piu se Vogliamo Old School. Viene introdotto  il concetto delle  carriere che danno in definitiva  una idea astratta di quello che il personaggo sa o è in grado di fare.  una cosa molto divertente e che a mio avviso calza a pennello nel  genere della Sword & Sorcery, è l’assenza dei  costi per l’ equipaggiamento,  il personaggio ha tutto il necessario per l’avventura. I Px sono dati, non solo in base all’ interpretazione durante l’avventura, ma anche in base al modo in cui il Personaggio sperpera l’immane somma di ricchezze che ha conquistato nella sua precedente avventura.  tutto  l’artwork interno è a mio avviso Stupendo, non solo perchè è di ottima qualitàma sopratutto perche trasmette queli feeling “Conanesco” che da troppo tempo manca in questo Hobby, o almeno manca al sottoscritto.

non mi dilungo molto sul sistema se volete provarlo ce nè una versione gratuita in rete a questo indirizzo http://www.1km1kt.net/rpg/barbarians-of-lemuria

Quello di cui mi rammarico è che questo gioco è veramente sconosciuto qui in italia, non ne ha parlato praticamente nessuno nemmeni i siti specializzati, ed è un  peccato perchè per una volta tanto bisognerebbe premiare  un gioco che  onora un genere  ormai quasi scomparso.  Faccio quindi i miei complimenti all’ autore e ai suoi collaboratori e che magari un giorno non riesca a trovare tempo per farne una traduzine.